FESTA DELLA RIVOLUZIONE E GUERRA D'INDIPENDENZA DEL 1848-49

15-mar-2019
FESTA DELLA RIVOLUZIONE E GUERRA D'INDIPENDENZA DEL 1848-49 
15 marzo - Festa nazionale 

Cosa si festeggia: Si ricorda alla Rivoluzione e Guerra d'Indipendenza del 1848-49, che scoppiò e si svolse per avere la totale indipendenza dell'Ungheria dalla Monarchia Asburgica. I primi eventi storici iniziarono il 15 marzo del 1848 a Pest-Buda, al Museo Nazionale. I capi dei rivoluzionari ungheresi promulgarono al publico la Proclamazione del popolo ungherese, determinata in 12 punti, e dopo il poeta Sándor Petőfi recitò con entusiasmo una sua nuova poesia: il Canto Nazionale.

" In piedi, o magiaro, la patria chiama.
É tempo: ora o mai.
Schiavi saremo o liberi?
Scegliete.
Al Dio dei magiari
giuriamo,
giuriamo che schiavi
mai più saremo. ..." 
    Più info su Petőfi, clicca qui: Il poeta del Risorgimento 

Gli avvenimenti travolsero migliaia di gente malcontenta e la manifestazione iniziale si trasformò in breve tempo in una vera rivoluzione e dopo in una guerra d'indipendenza. I leaders ungheresi e politici importanti furono: Lajos Kossuth, Lajos Batthyány, István Széchenyi. Alla fine del 1849 la rivoluzione e la guerra d'indipendenza degli ungheresi fu fallita, e i capi furono giustiziati o imprigionati in Austria a secondo dell'ordine del giovane imperatore: Francesco Giuseppe. Dopo l'Ungheria visse un lungo periodo di repressione.

Usanze locali: In questo giorno dappertutto in Ungheria, vengono organizzate manifestazioni all'aperto e commemorazioni nelle scuole, durante le quali rievocano i fatti storici ricordandosi ai personaggi illustri dell'epoca ed agli eroi ungheresi che sacrificarono la loro vita per l'indipendenza del popolo. La gente per l'occasione si attacca la cocarda tricolore sul cappotto.
Associazione Ernesto Onlus
Piazza Gramsci, 21 (sede legale) 40026 Imola (bo) - CF IT90035830372
telefono 0542 25284 cell 335/7096440 fax 0542 610128 e-mail: info@associazionernesto.it - pec: associazioneernesto@sicurezzapostale.it