DIRE, FARE, EMOZIONARE...IL LABORATORIO DELLE RELAZIONI

  • Obiettivi previsti / risultati attesi

Il progetto "Dire, fare, emozionare...Il laboratorio delle relazioni" è rivolto ai bambini e ai ragazzi delle scuole elementari e medie e mira a promuovere gli aspetti di crescita che amplificano il benessere emotivo e relazionale e conseguentemente  una buona capacità di adattamento ed integrazione nel tessuto sociale. In particolare gli interventi svolti nell'aula sono finalizzati a rinforzare le capacità sociali, emotive e cognitive necessarie per un’adeguata soluzione dei conflitti e lo sviluppo di uno stile di comportamento e di vita basato sul rispetto reciproco, sulla vita relazionale autentica e rispettosa della specifica sensibilità e complessità propria e dell'altro. Oltre ad avere carattere preventivo, il progetto promuove un clima di gruppo caratterizzato da rispetto, coesione, consapevolezza ed integrazione; elementi, questi, indispensabili per educare i bambini ed i ragazzi in una prospettiva di benessere relazionale.

  • Contenuti e descrizione del progetto

Il progetto prevede una serie di incontri con il gruppo classe in cui verranno affrontati gli argomenti necessari per far acquisire la consapevolezza delle emozioni proprie e altrui, far scoprire e valorizzare le risorse di gestione della comunicazione interpersonale ed un atteggiamento non­violento nella soluzione dei conflitti.

La struttura del progetto è così articolata:

-          presentazione del progetto e del metodo utilizzato

-          trattazione degli argomenti principali, quali la capacità di riconoscere i propri bisogni e le proprie emozioni, l’accettazione e valorizzazione dell’altro, l’ascolto attivo, i pregiudizi, gli stereotipi, la comunicazione verbale e non verbale, l’assertività, l’autoaffermazione.

-          integrazione delle conoscenze acquisite e stimolazione  all’utilizzo di queste modalità anche nelle situazioni di vita quotidiana.

Gli incontri sono strutturati e mirano a promuovere il coinvolgimento personale di ogni partecipante.

 Le linee fondamentali della metodologia prevedono:

-           partecipazione cognitiva e emotiva di ogni partecipante

-          interazione e comunicazione bidirezionale tra il formatore e gli allievi

-          stimolazione di un clima di comprensione empatica, di rispetto reciproco e di solidarietà

-          utilizzo del gioco e di altri tipi di attivazione

La conduzione, basata sull’alternanza di momenti di gioco e di elaborazione emotiva e riflessiva, permette ai partecipanti di sperimentare in modo vivo e concreto i problemi di comunicazione e di ascolto e consente al conduttore di trasmettere in modo efficace schemi e concetti teorici. Sono previsti dei momenti di verifica.

  • Tempi complessivi di realizzazione

Sono previste due fasi:

1. Entro la fine di mese di maggio individuazione di una scuola interessata a partecipare e

delle classi dove si ritiene particolarmente proficua la realizzazione del progetto.

2. Da ottobre 2016 a gennaio 2017 realizzazione del progetto nelle classi. Sono previsti

10 incontri a cadenza settimanale della durata di 90 min. All’inizio e alla fine degli incontri

è previsto un momento di confronto e restituzione con gli insegnanti ed eventualmente con i genitori.

  • Specifica del numero di persone impegnate nel progetto

Per ogni incontro è prevista la presenza di 2 psicologhe/pedagogiste.

Associazione Ernesto Onlus
Piazza Gramsci, 21 (sede legale) 40026 Imola (bo) - CF IT90035830372
telefono 0542 25284 cell 335/7096440 fax 0542 610128 e-mail: info@associazionernesto.it - pec: associazioneernesto@sicurezzapostale.it